I Vini

La Cantina e i Vigneti


Giovanni Boroli, con la consulenza dell’enologo Gianfranco Cordero, ha deciso di impiantare oltre alle culture tradizionali alcuni vigneti, avendo verificato la particolare vocazione del territorio e le condizioni climatiche idonee alla produzione di uve di qualità.

A partire dal 2005 si è quindi proceduto all’impianto di circa 7 ettari di Vigneti con vitigni autoctoni quali il Nero d’Avola, il Catarratto, il Moscato di Noto ed il Nerello Mascalese e in piccola parte con vitigni internazionali quali il Merlot e lo Chardonnay.

Dal 2009, visti gli ottimi risultati sperimentali raggiunti si è deciso di realizzare accanto all’antico baglio, ristrutturato come abitazione padronale, una cantina dotata di tutte le attrezzature più avanzate per procedere alla vinificazione in proprio presso la tenuta. Sia l’olio extra vergine di oliva biologico che i vini prodotti dall’Azienda agricola Giovanni Boroli riportano in etichetta il marchio Giasira, parola di originearaba a significare Isola, che nelle sue declinazioni Gisira o Gesira stava a caratterizzare i territori dove si situa la tenuta, isolata dai profondi solchi erosivi detti cave che percorrono l’altipiano Ibleo.